LE CURE

Come si accede alle cure termali

Ciascun assistito ha diritto ad usufruire, con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale, di un solo ciclo di cure termali, nell’arco dell’anno, per le patologie che possono trovare beneficio dalle cure medesime. Per fruire delle cure termali è sufficiente farsi rilasciare da parte del proprio “medico di famiglia” la proposta-richiesta da redigersi sul ricettario standardizzato del Servizio Sanitario Nazionale. Per medico di “famiglia” deve intendersi il medico di medicina generale, il pediatra di libera scelta o lo specialista, in una delle branche attinenti alle patologie che possono trovare beneficio dalle cure, che abbia in uso il ricettario standardizzato. La proposta richiesta deve indicare la diagnosi (corrispondente ad una delle patologie che possono trovare beneficio dalle cure termali, individuate dal Ministero della Salute in un apposito elenco allegato al D.M. 15 dicembre 1994 e richiamato dal successivo decreto del 22 marzo 2001) ed il correlato ciclo di cure da praticare. Nei casi in cui il medico delle Terme rilevi nella prescrizione-proposta una rilevante differenza tra la patologia e le cure prescritte, questi può concordare con il medico referente dell’azienda USL di ubicazione territoriale dello stabilimento eventuali rettifiche della prescrizione, senza modificare la diagnosi formulata dal medico di base o dallo specialista. All’atto dell’accoglimento dell’assistito il direttore sanitario delle Terme, o altro medico incaricato, compila la relativa cartella clinica, previa accurata visita medica volta ad accertare eventuali controindicazioni cliniche alle cure e ad individuare qualità, tempi e modalità delle somministrazioni prescritte.

Normativa sui ticket

Pazienti non esenti: pagano la quota fissa di euro 55,00 per l’intero ciclo di cura;
Pazienti parzialmente esenti: pagano la quota fissa di Euro 3,10 per l’intero ciclo di cura;
Pazienti totalmente esenti: non pagano la quota fissa di Euro 3,10.

Categorie di Pazienti

Pazienti non esenti:

  • I cittadini di età compresa tra i 6 e i 65 anni.

Pazienti parzialmente esenti:

  • I cittadini di età inferiore ai sei anni o sopra i 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all’anno precedente non superiore a 36.151,98 Euro;
  • I titolari di pensione sociale ed i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all’anno precedente non superiore a 8.263,31 Euro e fino a 11.362,05 Euro con coniuge + 516,46 Euro per ogni figlio a carico;
  • I titolari di pensione al minimo con più di 60 anni ed i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all’anno precedente non superiore a 8.263,31 Euro e fino a 11.362,05 Euro con coniuge + 516,46 Euro per ogni figlio a carico;
  • I disoccupati ed i loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo riferito all’anno precedente non superiore a 8.263,31 Euro e fino a 11.362,05 Euro con coniuge + 516,46 Euro per ogni figlio a carico;
  • Gli invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 2a alla 5a;
  • Gli invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 6a alla 8a, limitatamente alle prestazioni correlate alla patologia invalidante;
  • Gli invalidi civili dal 67% al 99%;
  • Gli invalidi civili con assegno di accompagnamento;
  • Gli invalidi del lavoro dal 67% al 79%
  • Gli invalidi del lavoro con invalidità inferiore ai 2/3, limitatamente alle prestazioni correlate alla patologia invalidante;
  • Ciechi e sordomuti di cui all’art. 6 e 7 della legge 482/68;
  • Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 1a alla 5a non titolari di pensione diretta vitalizia;
  • Invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 6a alla 8a non titolari di pensione diretta vitalizia, limitatamente alle prestazioni correlate alla patologia invalidante;
  • Portatori di patologie neoplastiche maligne;
  • Esenti per patologia solo per le prestazioni correlate alla patologia invalidante.

Pazienti totalmente esenti:

  • Gli invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 1a alla 5a titolari di pensione diretta vitalizia;
  • Gli invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 6a alla 8°, titolari di pensione diretta vitalizia, limitatamente alle prestazioni correlate alla patologia invalidante;
  • Gli invalidi per servizio appartenenti alla 1a categoria;
  • Gli invalidi civili al 100%;
  • Gli invalidi civili con assegno di accompagnamento;
  • I grandi invalidi del lavoro con invalidità superiore all’ 80%;
  • I ciechi assoluti.

CONSULENZA MEDICA

  • Otorinolaringoiatria
  • Idrologia medica
  • Medicina dello Sport
  • Ortopedia
  • Psichiatria
  • Logopedia

Audiologia: esami audiometrici, impedenzometrici, rinoscopio in fibra ottica e altre attrezzature per la diagnostica e la terapia delle patologie ORL e in particolare della sordità rinogena.

Rieducazione respiratoria: Nel reparto di fisioterapia è possibile effettuare sedute di rieducazione respiratoria per il recupero delle patologie ad esso relative.

CURA IDROPINICA

L’idropinoterapia, o cura idropinica, consiste nella somministrazione di acqua termale per bibita a scopo terapeutico.
L’acqua viene bevuta lentamente lontano dai pasti, dopo una visita e relativa prescrizione medica, in una quantità che varia da 1 a 4 litri/giorno.
Ha un’azione stimolante sull’apparato intestinale ed epatico favorendo la secrezione biliare e quindi migliorando al digestione.

Consigliata per:

  • Gastriti ed esofagiti croniche
  • Ernie iatali
  • Coliti
  • Colon irritabili
  • Diverticolosi
  • Dispepsie
  • Calcolosi biliari
  • Epatomegalie
  • Stipsi croniche

CURE INALATORIE

L’acqua sulfurea viene utilizzata per le affezioni otoiatriche e malattie croniche dell’apparato respiratorio in virtù dell’azione fluidificante e stimolante della secrezione catarrale con relativa detersione delle mucose, oltre all’essenziale caratteristica antimicrobica e antinfiammatoria. Le terapie utilizzano metodi diversi nelle molteplici applicazioni.

Alcune cure inalatorie possono essere impiegate molto efficacemente nei bambini.

Inalazioni a getto diretto: l’acqua sulfurea, riscaldata, viene polverizzata in gocce vapore di circa 100 u di diametro, che si arrestano nelle prime vie aeree.

Aerosol: nell’apparecchio ad acqua fluente l’acqua viene micronizzata in particelle di 1 – 2 u e quindi si diffonde fino al livello degli alveoli polmonari.
La durata di tali terapie e di circa dodici minuti ognuna per ogni seduta.

Insufflazioni-politzer: il gas sulfureo viene inoltre utilizzato,a diverse pressioni, nella cura per la sordità rinogena. Attraverso il cateterismo tubarico con sonda il gas viene insufflato direttamente sia nella Tuba di Eustachio che nella cavità dell’orecchio medio, dove esplica la sua azione anticatarrale ed anti infiammatoria con relativa rielasticizzazione della membrana timpanica, riventilazione dell’orecchio medio e conseguente miglioramento della facoltà uditiva.

Nebulizzazione: utilizzata nelle affezioni respiratorie medio basse e viene effettuata collettivamente in ampio ambiente speciale con degli erogatori dai quali fuoriesce l’acqua sulfurea micronizzata sotto forma di goccioline di 50 – 60 u. L’esposizione nella stanza di nebulizzazione varia, a seconda dei casi, dai 15 ai 30 minuti.

Docce nasali: sotto forma di acqua non vaporizzata, l’acqua sulfurea è particolarmente indicate nelle ipertrofie dei turbinati ben evidenti nelle riniti ipertrofiche, allergiche e spesso nelle sinusiti.

Humage: trattamento con gas sulfureo prodotto dal gorgogliamento dell’acqua sulfurea sotto pressione che provoca la liberazione dell’acido solfidrico nell’aria.

BALNEO-FANGOTERAPIA

Balneoterapia

La balneoterapia termale, utilizzando acque minerali terapeuticamente attive associa, alle proprietà aspecifiche dell’acqua (galleggiamento, temperatura, densità), gli effetti biologici e terapeutici esercitati dai mineralizzatori che rendono ogni acqua minerale una soluzione a composizione chimico-fisica peculiare. La tecnica del bagno segue dei principi generali anche se sono possibili variazioni a seconda delle modalità di applicazione, dell’acqua minerale utilizzata e della patologia da trattare. La balneoterapia generale con acqua termale a 34/36° viene effettuata in apposite vasche singole o nella piscina termale con idromassaggio, dotata anche di percorso vascolare a 26°.

Consigliata per:

  • Malattie reumatologiche
  • Malattie osteoarticolari e disturbi muscolari
  • Osteoporosi
  • Malattie dermatologiche
  • Trattamento di cicatrici da ustioni
  • Malattie Vascolari
  • Estetica

Fangoterapia

Per la fangoterapia si utilizza un fango paraffinato, prodotto residuo di feldspati delle rocce trachitiche, combinate con resti amorfi di silicati di alluminio, materie ferrose e calcaree, sali alcalini e cloruro di sodio.

Consigliata per:

  • Malattie reumatologiche
  • Malattie osteoarticolari croniche

CURE GINECOLOGICHE

Viene utilizzata l’acqua sulfurea tramite irrigazioni vaginali per le sue caratteristiche antiinfiammatorie, antisettiche, eutrofiche e per la conseguente stimolazione ormonale. Per patologie che interessano anche gli organi genitali femminili esterni viene associata alla balneoterapia.

Consigliata per:

  • Leucorrea persisente da vaginiti atrofiche
  • Flogosi croniche recidivanti
  • Sterilità cervicale e tubarica
  • Distrofie post menopausali con craurosi vulvale (anche post operatoria)
  • Squilibri ormonali

FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE

Centro di fisioterapia e riabilitazione: al prezioso lavoro della nostre fisioterapiste, il beneficio di ogni genere di elettroterapia, ultrasuoni, laserterapia, magnetoterapia con macchinari di ultima generazione in grado di trattare efficacemente anche lesioni e traumi sportivi.

Servizio di logopedia in collaborazione con l’istituto di riabilitazione Santo Stefano; valutazione e terapia logopedica.

TARIFFE

CURE TERMALI

(in convenzione SSN o con i seguenti prezzi)

TERAPIA TRATTAMENTO SINGOLO ABBONAM. 12 CURE
Terapia idropinica (con visita medica) € 6,00 € 60,00
TERAPIE INALATORIE
Aerosol 6 60
Inalazione 6 60
Humage 6 60
Nebulizzazione 5 50
Doccia Nasale 8 80
Insufflazioni tubo-timpanica 10 100
Lavaggio auricolare 25
TERAPIE OSTEOARTICOLARI
Bagno bicarbonato con idromassaggio 14 154
Bagno sulfureo con idromassaggio 16 176
Bagno bicarbonato con linfodrenaggio per vasculopatie 23 253
FANGOTERAPIA
Fango Arti 7 70
Fango Dorso 12 120
Fango Dorso + Arti 15 150
TERAPIE DERMATOLOGICHE
Bagno sulfureo idromassaggio 16 176
TERAPIE GINECOLOGICHE
Irrigazione Vaginale 9 90
Irrigazione Vaginale + Bagno € 17,50 € 175,00
ESAMI DIAGNOSTICI
Audiometria ed impedenzometria 30
Elettrocardiogramma 30
Visita medica extra 50
Visita medica specialistica € 70,00 - € 130,00

FISIOTERAPIA

(non convenzionata)

TERAPIA ANTALGICA

(non convenzionata)